Che cosa succede alla scadenza di un dominio?

Sandra Bertolacci DiSandra Bertolacci

Che cosa succede alla scadenza di un dominio?

5/5 (1)

Vi siete dimenticati di rinnovare il vostro dominio?
Il vostro sito web non è più raggiungibile?
State aspettando che un dominio interessante scada per registrarlo a vostro nome?
Il WHOIS indica uno “stato” strano?

In breve, che cosa succede a un dominio quando è arrivata la sua data di scadenza?

Quando registrate un dominio ne diventate l’assegnatario per un certo periodo di tempo, durante il quale potete utilizzare quel nome per essere presenti nel web con il vostro sito, oppure in associazione a servizi di posta elettronica. Alla scadenza del periodo di assegnazione, per mantenere lo stesso nome associato al proprio spazio web o all’indirizzo email, è necessario procedere con il suo rinnovo.

Se non si procede al rinnovo, il dominio scade. Che cosa succede allora?

La pura registrazione del dominio e i servizi che gli sono associati (posta elettronica standard o certificata, web hosting) sono elementi distinti, anche se strettamente correlati.

Può scadere lo spazio hosting senza che sia scaduto il dominio.
Può scadere il dominio senza che l’erogazione del servizio di hosting sia in alcun modo interrotta.

In entrambi i casi il vostro sito web o posta elettronica non funzionano più!

Se un dominio non è stato rinnovato alla scadenza, in primo luogo perde il suo stato di OK/ACTIVE.
Ma non diventa immediatamente “libero” per una nuova registrazione: segue un percorso, con specifiche fasi e procedure, ciascuna con tempistiche stabilite.

I cambi di stato, le procedure e le tempistiche legate al fine periodo dei domini non sono immediati o uguali per tutti i domini, ma dipendono dall’estensione del dominio stesso (.tld – Top Level Domain). Chi decide questi processi sono i Registri che hanno la delega sui singoli .tld: un dominio .it avrà procedure e tempistiche di cancellazione diverse da un dominio .com, o da un .de.

Sono soprattutto i .tld geografici che hanno peculiarità diverse in quanto dipendono dalle norme stabilite dai Registri dei diversi Paesi e ogni Registro stabilisce la propria policy.

Nonostante le peculiarità di ciascun TLD, le fasi di un dominio avviato alla cancellazione sono in linea di massima simili…

In linea generale, quando un dominio va incontro a scadenza entra in uno stato definito Grace Period nel quale l’assegnatario ha ancora possibilità di rinnovarlo gratuitamente. La durata di questo periodo è variabile a seconda dell’estensione e del Registro, andando tra i 10 e i 45 giorni. Non per tutti i TLD è previsto questo periodo “di grazia”.

Qualora durante questo periodo di tempo non ci sia stato nessun rinnovo, il dominio PUO’ entrare nel Redemption Period, in cui il dominio può ancora essere recuperato dallo stesso assegnatario. Il recupero del dominio non è proprio previsto per alcuni .tld e, ove previsto, non è per nulla scontato o garantito, oltre che avvenire, nella maggior parte dei casi, a costi notevolmente superiori al valore della semplice registrazione o rinnovo. Anche la durata del Redemption Period è molto variabile, da 10 a 180 gg.

Superato il Redemption Period, il dominio passa in Pending Delete: in questa fase il dominio è in una sorta di limbo in cui nessuno può rinnovarlo né recuperarlo e al termine del quale tornerà di nuovo nello stato Available, cioè pronto per una nuova registrazione. Anche in questo caso tempistiche e modalità di “rilascio” sono molto variabili.

Se state aspettando che un dominio per voi interessante scada, per registrarlo a vostro nome, il primo consiglio è di armarsi di pazienza, quindi di definire in base all’estensione del dominio quali siano i tempi finché torni libero.

Quanto ti piace?

Articoli correlati

  • La Brexit incombe, ed i suoi effetti scuotono anche ambiti non direttamente correlati alla politica, alla finanza, all'economia: entra a gamba tesa nel mondo dei domini, privando di fatto i cittadini e le aziende inglesi dei loro domini registrati. A partire dal 29 Marzo 2019, aziende e cittadini residenti nel…
  • Quante volte parlando di domini, avrete sentito le parole Registrant, Registrar, Registry? Che ruoli svolgono e in che rapporto stanno tra loro? Quando parliamo di registrazione dei nomi a dominio facciamo riferimento ad un complesso sistema, che attraverso regolamenti e database, struttura le informazioni alla base del funzionamento della rete…
  • La risposta a questa domanda è piuttosto semplice:  chi comanda è il Registrant. Ma la pratica non è sempre così limpida. Il Registrant, o assegnatario è il soggetto privato, ente, o azienda che richiede la registrazione di un dominio su un determinato .TLD. Al momento della registrazione fornisce una serie…
  • Dal 20 settembre 2018 tutte le scuole italiane di ogni ordine e grado, pubbliche e paritarie potranno registrare il loro nome a dominio edu.it. Infatti, è in arrivo la nuova estensione di dominio EDU.IT, riservata per le scuole e gli istituti scolastici, al posto della vecchia .GOV.IT. Numerose scuole ed istituti…

Info sull'autore

Sandra Bertolacci

Sandra Bertolacci administrator

Faccio parte dello staff di Servizi Internet dal lontano 2001 come Product Manager dei brand Faxtomail/Sendfax. Con l'arrivo della PEC nel 2011 ho curato produzione dei servizi Gespec e Comprapec, anche attraverso la redazione di Guidapec.it. Ho affiancato la programmazione nel rinnovamento del sistema informativo nell'ottica dell'automazione dei servizi. Dal 2014 sono Product Manager di REGdom.