L’importanza di fare manutenzione al sito web

Elisabetta Feroldi DiElisabetta Feroldi

L’importanza di fare manutenzione al sito web

5/5 (2)

Il successo di un sito web è dato oltre che dall’aspetto grafico gradevole anche dalla capacità di rimanere costantemente aggiornato e di proporre contenuti nuovi e stimolanti sia per gli utenti abituali che per attirare nuovi utenti. Fare manutenzione al sito web è fondamentale.

Nessuno di noi vorrebbe che il proprio sito venisse segnalato da Google come sito compromesso.

Dopo tutta la fatica tempo e risorse investite per realizzare il nostro sito, dopo essersi creati una reputazione in internet, dopo essere riusciti a indicizzare il proprio sito nel migliore dei modi sarebbe veramente spiacevole se durante la ricerca su Google questo venisse segnalato come “sito compromesso”.

Infatti se ciò dovesse succedere non è consigliabile visitare il sito. Per evitare che questo accada è sempre buona cosa fare manutenzione al sito.

Ma chi deve fare manutenzione al sito? Non il provider come spesso si pensa.

I provider subiscono quotidianamente le conseguenze delle vulnerabilità di sicurezza che si trovano nei CMS di uso comune come WordPress, Drupal e Joomla.

Non smetteremo mai di ribadire che un aspetto importante per la sicurezza è abituarsi a fare manutenzione al sito web (di seguito una piccola guida da scaricare per tenere traccia della manutenzione fatta al sito).

Avere uno strumento che rileva queste “sensibilità” e magari ci invia una notifica con le vulnerabilità riscontrate dandoci la possibilità di poter intervenire tempestivamente abbassa di gran lunga se non addirittura annulla, la possibilità di essere classificati come sito compromesso. Nel frattempo avremo la certezza che il sito web continuerà a funzionare correttamente.

Alcuni vantaggi che si possono avere se disponiamo di questo strumento e che ci renderanno la vita molto più facile sono:

  • mitigare l’abuso di risorse sui server condivisi facendovi risparmiare tempo e denaro oltre a contribuire a mantenere più pulito internet;
  • sapere in modo mirato dove intervenire per risolvere il problema con pochi sforzi e senza alcuna interruzione;
  • rimuovere automaticamente i malware;
  • aumentare la sicurezza del tuo sito e protezione dei tuoi dati.

Dall’1 a 5 per cento dei siti web è compromesso.

Gli hacker in genere vogliono approfittare delle risorse del server per attività di SPAM, attacchi DDoS, ecc, tuttavia, il sito viene esposto anche a rischi molto più gravi: la perdita di dati, furto di dati, o peggio ancora. Ogni violazione della sicurezza ti costa almeno una o più ore di lavoro per risolvere il problema. La Violazione della sicurezza ti costa cara.

Uno su due siti web è vulnerabile.

Secondo W3Techs, circa il 29% del web gira su WordPress, Joomla o Drupal. Questo numero è in realtà molto più alto: 57%.

Circa l’80% di questi siti web ha una versione non aggiornata dei CMS.

Questo lascia il 46% dei vostri siti web sfruttabili attraverso significative vulnerabilità di sicurezza.

Secondo una ricerca condotta da StopBadware e Commtouch, il 28% dei webmaster a cui il sito web è stato compromesso prende in considerazione l’idea di cambiare fornitore. Il Webmaster spesso da colpa al fornitore se il suo sito web viene compromesso.

Spesso non è in grado di risolvere il problema o non considera l’importanza di fare manutenzione.

Sul mercato ci sono molti prodotti gratuiti e non che possono aiutarci a fare manutenzione al sito.

Molti provider hanno in dotazione dei prodotti che fanno quotidianamente scansioni notturne, vediamo nel dettaglio qualche dato riscontrato:

  • 000 vulnerabilità
  • correzione di 13000 vulnerabilità
  • riconoscimento di 1500 installazioni CMS non aggiornate
  • aggiornamento di 300 CMS
  • 250 SCAN su circa 7mila domini

Dal 25 Maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo GDPR, che oltre a regolare le responsabilità del Provider Internet, identifica in maniera inequivocabile anche le responsabilità del proprietario del sito.

Monitoraggio costante delle vulnerabilità del sito e immediata risoluzione sono previsti nel GDPR (GDPR – art. 32, comma 1, par. d);

Aggiornamento giornaliero dei sistemi operativi, per garantire un’adeguata sicurezza dei dati personali, compresa la protezione, mediante misure tecniche e organizzative adeguate.
(GDPR – art. 5, comma 1, par. f).

Questo nuovo approccio al trattamento dei dati personali si estende a tutti i siti che operano sul territorio dell’Unione Europea o che interagiscono con i cittadini dell’Unione Europea.

A maggior ragione è necessario che venga fatta manutenzione al sito web se non si vuole rischiare di essere sanzionati.

Infatti chi non rispetta la normativa puo’ rischiare sanzioni fino a venti milioni di euro o al 4% del fatturato annuale dell’azienda.

E’ preferibile fare un piccolo investimento economico su un prodotto che ci risolva il problema piuttosto di dover pagare multe salate.

 

 

Quanto ti piace?

Info sull'autore

Elisabetta Feroldi

Elisabetta Feroldi

Technical Support and Junior Social Media Manager. Provengo da una famiglia di appassionati di elettronica e informatica. Sono nel settore dal 1998, ho avuto la fortuna di iniziare la mia carriera lavorativa in uno dei primi Internet Service Provider di Italia. Instancabilmente curiosa e piena di idee sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Per soddisfare la mia voglia di comunicare mi occupo della gestione del blog di Servizi-Internet. Amo il mare, cucinare e passeggiare con il mio adorato cane Sir Orazio Nelson.