Quello che i commercialisti non dicono… #fatturaelettronica

Sandra Bertolacci DiSandra Bertolacci

Quello che i commercialisti non dicono… #fatturaelettronica

Da pochi giorni è in essere la Fatturazione Elettronica, in un rincorrersi di racconti ed esperienze diverse, dubbi e domande, provocazioni e pubbliche accuse.

C’è chi già il primo giorno dell’anno ha inviato e ricevuto le fatture tramite il nuovo sistema, e chi ancora non ha proprio preso in carico la questione. Regna parecchia confusione sui vari aspetti di questo nuovo processo, sulle tempistiche, le modalità di gestione, il codice SDI e la PEC. E alcuni tra coloro che dovrebbero essere i più aggiornati e i più competenti in materia, spesso contribuiscono a lasciare ampi spazi di incertezza.

Mi trovavo giorni fa in un piccolo laboratorio artigianale, chiacchierando viene fuori il discorso della fatturazione elettronica, del fatto che

per fortuna se ne occupa il mio commercialista

e che

guardi che bravo: mi ha preparato un documento già pronto da inviare a tutti i fornitori, con il mio codice per la fatturazione elettronica

Bravo, ma non del tutto…

L’erogazione del servizio di fatturazione elettronica viene gestito attraverso una delle svariate piattaforme che i fornitori del servizio hanno messo a disposizione, attraverso il codice SDI. Il commercialista si fa intermediario nella gestione della contabilità per i propri clienti.

Pur facilitandolo con un documento già predisposto, l’intermediario ha riversato sul cliente (l’artigiano) l’onere di comunicare il codice SDI a ciascun fornitore.

Per quanto pochi possano essere i fornitori di un piccolo artigiano, varie sono le modalità di acquisizione del dato da parte del fornitore (alcuni fanno accedere ad un’area clienti – recupera utente e password -, altri fanno mandare un fax, altri l’email, ecc). Questo si traduce di fatto in un onere in termini di tempo e lavoro che forse l’artigiano avrebbe dedicato volentieri ad altro.

Tutto ciò non sapendo che basta una sola azione per rendere il codice SDI (o la PEC) l’indirizzo di destinazione predefinito e di default per la consegna di tutte le fatture elettroniche, senza necessità registrare il dato presso i vari fornitori.

Questa operazione consiste nella registrazione dell’indirizzo di destinazione per le fatture elettroniche, e si effettua sull’area privata (attiva per ogni azienda) di Agenzia delle Entrate. Una volta che si è effettuata questa registrazione, qualsiasi fattura elettronica destinata a quella Partita IVA, viene automaticamente consegnata alla destinazione indicata di default.

Il fornitore non ha nemmeno l’obbligo di inserire il codice di destinazione nelle fatture: può anche non inserire nulla o inserire una dato sbagliato, che la fattura viene consegnata correttamente.
Inoltre, se l’indirizzo di destinazione dovesse variare, non sarà necessario ricontattare tutti i fornitori, ma basterà aggiornare il dato sull’area privata di Agenzia delle Entrate. Una volta per tutti.

Quello che i commercialisti non dicono, è che, questa registrazione una tantum, potrebbero farla loro…



Quanto ti piace?

Articoli correlati

  • La fatturazione elettronica obbligatoria per le aziende a partire dal 01/01/2019 può essere gestita, tra le altre opzioni anche tramite un semplice indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC). In collaborazione con GuidaPEC - La Guida Online sulla Posta elettronica Certificata abbiamo redatto per i nostri lettori questo breve compendio focalizzato…
  • A seguito del recepimento degli obblighi di legge relativi alla Fatturazione Elettronica tra privati, informiamo i nostri clienti sulle novità in essere e sulle procedure messe in atto da Servizi Internet. La normativa La Legge n.205/2017 (c.d. Legge di Bilancio 2018), all’art. 1, commi 909-916, ha introdotto l’obbligo di emissione…
  • Abbiamo ormai imparato che le Fatture Elettroniche per loro natura ■ devono essere generate in formato .xml e ■ devono essere trasmesse al destinatario tramite il Sistema di Interscambio (SDI). Al termine dei controlli formali e dell'invio al destinatario, il SDI restituisce una ricevuta con un'indicazione di "stato". Vediamo in…
  • Il successo di un sito web è dato oltre che dall'aspetto grafico gradevole anche dalla capacità di rimanere costantemente aggiornato e di proporre contenuti nuovi e stimolanti sia per gli utenti abituali che per attirare nuovi utenti. Fare manutenzione al sito web è fondamentale. Nessuno di noi vorrebbe che il…