Le sempre nuove frontiere dello spam

Sandra Bertolacci DiSandra Bertolacci

Le sempre nuove frontiere dello spam

Per essere efficaci, spam e phishing devono cogliere di sorpresa, e quindi cambiano spesso.
Una nuova ondata di messaggi che coglieranno impreparati molti, spinti dall’impulso di cliccare per contrastare l’ingiustizia delle accuse.

Si perché il messaggio che sta invadendo la posta di moltissimi, ha come oggetto “Querela per diffamazione aggravata“.

Un’accusa indegna! Non ho mai diffamato nessuno! Vediamo chi si permette di mandarmi questo avviso?

Il testo prosegue in maniera formale e quantomai vicina al linguaggio legalese: “Egr. Sig. / Sig.ra, con la presente Le scrivo in nome e per conto della mia assistita F. De R. per diffidarla dal proseguire con l’attività lesiva e dichiaratamente diffamatoria del diritto all’immagine, al nome, alla dignità e alla riservatezza della mia assistita, attività da Lei messa in atto via social media su Facebook.”

Ed ecco che la frittata è già mezza fatta, soggetti irritabili dalle scarse conoscenze dei tranelli, sono già lì con il dito potenzialmente pronto al fatidico click!

Quanti ormai convinti di poter scrivere di tutto su tutti via Facebook, non sentiranno un impulso di difesa? O al contrario l’impulso di difesa del proprio onorevole comportamento, la curiosità, il timore di ripercussioni a nulla agire, fanno scattare la molla!

E fanno cliccare sul colorato tasto “Scarica documento”, invitante ed irresistibile per i curiosi, gli irascibili, gli impulsivi. Non so dire che accade al cliccare, perché ho cancellato il messaggio. Fatelo anche voi e spargete la voce…

 

Di seguito un campione del messaggio in questione:

spam_querela

 

Quanto ti piace?

Articoli correlati

  • Spesso ci capita di scrivere una mail in maniera affrettata e di scoprire poi che la stessa è finita tra lo SPAM del destinatario. Quando ciò accade, il server Smtp che ha spedito il messaggio viene inserito in black-list,
 rendendo tutti i successivi messaggi identificabili come spam e rifiutati dai…
  • La Pec (acronimo di Posta Elettronica Certificata) è l'equivalente elettronico della raccomandata con ricevuta di ritorno. Di fatto è un servizio di posta elettronica "tradizionale", a cui sono state aggiunte delle caratteristiche tali da fornire agli utenti la certezza, anche di valore legale, dell’invio e della consegna (o meno) dei…
  • Avete presente quella sensazione che si prova quando inviamo un messaggio di posta ma non abbiamo la certezza che sia stato consegnato, ricevuto dal destinatario? Tipo un viaggio della speranza, sai se parti ma non sai se arrivi. Ognuno di noi quando viaggia organizza il tour in modo sicuro, si…
  • Il Gdpr, come dice la sigla Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, è un testo frutto di diversi anni di lavoro da parte della Commissione Europea, costituito da 99 articoli sulla protezione dei dati personali. Il GDPR è inteso come uno strumento idoneo al mercato digitale e si inserisce nelle…

Info sull'autore

Sandra Bertolacci

Sandra Bertolacci administrator

Faccio parte dello staff di Servizi Internet dal lontano 2001 come Product Manager dei brand Faxtomail/Sendfax. Con l'arrivo della PEC nel 2011 ho curato produzione dei servizi Gespec e Comprapec, anche attraverso la redazione di Guidapec.it. Ho affiancato la programmazione nel rinnovamento del sistema informativo nell'ottica dell'automazione dei servizi. Dal 2014 sono Product Manager di REGdom.