La PEC su un sottodominio certificato – Configurazione dei DNS

Alessandra Lenzi DiAlessandra Lenzi

La PEC su un sottodominio certificato – Configurazione dei DNS

Chi si è trovato ad attivare il servizio di Posta Elettronica Certificata, comunemente chiamato PEC, ha potuto optare per una soluzione più semplice e meno costosa, quella di una casella di posta fornita dal certificatore su un dominio del certificatore stesso, oppure hanno valutato più opportuno far certificare un proprio dominio/sottodominio in modo da potervici poi attivare una mail PEC.

Questa seconda soluzione permette, ad esempio, il mantenimento del proprio indirizzo mail PEC anche in caso di variazione del fornitore del servizio ed è la soluzione consigliata, specialmente alle imprese che hanno già un dominio proprio.

Nel caso si sia optato per la certificazione di un sottodominio, c’è un’importante operazione da effettuare sulla configurazione DNS del sottodominio per fare in modo che tutto funzioni correttamente.

La PEC deve utilizzare i server di posta del certificatore e non quelli “standard” del dominio, pertanto bisogna accedere al proprio pannello di gestione dei DNS e configurare i server MX del sottodominio in modo che puntino al server di posta che vi viene comunicato al momento dell’attivazione.

I clienti che hanno acquistato il servizio PEC su sottodominio da Gespec.it, ad esempio, hanno dovuto inserire questi parametri:
pec.vostrodominio.eu  86400   MX       10  mx.pec.gespec.it.

Come potete notare niente tra queste operazioni coinvolge direttamente l’indirizzo PEC finale ma è una attività che riguarda esclusivamente la struttura di gestione del dominio e dei suoi DNS.

Viene svolto tutto tramite il pannello di gestione del proprio dominio e le operazioni sono effettuate una sola volta, indipendentemente dal nuero di mail PEC che in seguito verranno attivate su quel sottodominio.

E’ importante pertanto non confondere queste attività con quanto servirà poi per gestire il singolo indirizzo PEC e la configurazione dei programmi di posta che dovranno scaricare le mail.

Registra il tuo Marchio

Quanto ti piace?

Articoli correlati

  • La Pec (acronimo di Posta Elettronica Certificata) è l'equivalente elettronico della raccomandata con ricevuta di ritorno. Di fatto è un servizio di posta elettronica "tradizionale", a cui sono state aggiunte delle caratteristiche tali da fornire agli utenti la certezza, anche di valore legale, dell’invio e della consegna (o meno) dei…
  • L’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), che regola e controlla l’operatività dei Gestori autorizzati ad erogare servizi di Posta Elettronica Certificata, richiede che le trasmissioni pec siano mantenute ad un altissimo livello di sicurezza, data la sua importanza ai fini legali. Sulla base della regolamentazione vigente i Gestori Pec hanno lavorato…
  • La fatturazione elettronica obbligatoria per le aziende a partire dal 01/01/2019 può essere gestita, tra le altre opzioni anche tramite un semplice indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC). In collaborazione con GuidaPEC - La Guida Online sulla Posta elettronica Certificata abbiamo redatto per i nostri lettori questo breve compendio focalizzato…
  • Abbiamo ormai imparato che le Fatture Elettroniche per loro natura ■ devono essere generate in formato .xml e ■ devono essere trasmesse al destinatario tramite il Sistema di Interscambio (SDI). Al termine dei controlli formali e dell'invio al destinatario, il SDI restituisce una ricevuta con un'indicazione di "stato". Vediamo in…
  • Non riuscite più ad accedere alla vostra casella pec? Non riuscite a scaricarla? Verificate i requisiti minimi dei vostri sistemi, devono essere compatibili con il nuovo protocollo TLS 1.2. Recentemente i Gestori autorizzati che erogano servizi di Posta Elettronica Certificata hanno aggiornato i protocolli di sicurezza della pec al protocollo…